Trucchi e consigli per capire il linguaggio del corpo

Trucchi e consigli per capire il linguaggio del corpo

Saper interpretare i segnali che invia inconsciamente il corpo può assumere una funzione molto importante. È un vero e proprio linguaggio, non razionale né voluto ma che lascia trasparire molto più delle parole: conoscerlo ci dà un indubbio vantaggio sul nostro eventuale interlocutore. Riuscire a percepire cosa si cela nella nostra controparte ci dà senza dubbio sicurezza e padronanza, entrambe importantissime in alcune occasioni della nostra vita. Vediamo assieme come capire il linguaggio del corpo.

Linguaggio del corpo osservare la posizione del soggetto con cui ci stiamo confrontando

Quando una persona si tiene a breve distanza, può significare che è interessata e disponibile, se viceversa mantiene a una certa distanza, o peggio, si allontana, può significare che nutre uno scarso interesse, poca disponibilità, e in alcuni casi un certo timore.

Capire il linguaggio del corpo osserviamo la posizione delle mani.

Palmi rivolti verso il basso, indicano una forma mentale di chiusura, al contrario, rivolti verso l’alto, daranno sensazione di apertura. Se i due soggetti si trovano l’uno di fronte all’altro, volgere il palmo della mano parallelamente alla persona di fronte, potrà portare alla mente il pensiero “alt, fermo, attenzione”.

Linguaggio del corpo quando le braccia sono incrociate davanti al busto

L’interlocutore si protegge inconsciamente dalle influenze esterne, ma potrebbe anche indicare imbarazzo. Se le braccia del nostro interlocutore sono conserte e le sue gambe divaricate, sta assumendo una posizione di autorità e durezza. Se invece le braccia sono tenute dietro la schiena, è chiaro che vi è chiusura verso l’ascolto visto che è la stessa posizione che si assume per controllare, magari camminando. Restare con le braccia aperte indica segno di disponibilità ad ascoltare l’altro.

Linguaggio del corpo quando siete seduti di fronte ad una platea o ad una scrivania

Ricordatevi che poggiare la testa sul palmo della mano indica chiaramente disinteresse e che poggiare il dito medio al viso è segno di ascolto attento ed interessato. Poggiare la testa sul palmo della mano indica scarsa attenzione, poggiare invece, il dito indice a lato del volto indica interesse.

Linguaggio del corpo posizione della testa

Molti segnali si possono leggere dalla posizione della testa. Se capita che l’interlocutore annuisca, durante il nostro discorso, può voler dire che ha interesse ed è d’accordo con quanto stiamo dicendo; ma può anche voler dire di arrivare presto al fulcro della conversazione.

Inclinare il capo da un lato sorridendo indica simpatia: tenere la testa abbassata è sintomo di imbarazzo e poca convinzione. Se ci si tocca il viso sempre nello stesso punto è segno che si è nervosi e preoccupati; se invece il nostro conversatore si tocca un lato del naso o il mento, è segno che sta prendendo una decisione. Se la testa resta immobile è segno che si vuole affermare autorità e serietà.

Linguaggio del corpo gli occhi

Gli occhi sono lo specchio dell’anima quindi è ovvio che lo sguardo è fondamentale per comprendere chi ci sta di fronte.  Tutti sappiamo che chi sfugge lo sguardo, probabilmente è in una situazione di imbarazzo o non è sincero. Chi ci rende uno sguardo diretto, comunica chiarezza interesse. Se vi guardano di traverso, obliquamente, chi vi sta di fronte non è convinto di ciò che state dicendo; se invece lo sguardo è rivolto al pavimento il nostro interlocutore è certamente arrabbiato, o cerca di nascondere i suoi veri pensieri.

Osservate attentamente gli occhi: una pupilla dilatata è sintomo che chi sta guardando ha davanti una visione che gli procura gioia, piacere; al contrario davanti a visioni spiacevoli, le pupille si restringono.

Linguaggio del corpo i piedi

Ma tutto il nostro corpo invia segnali; ad esempio i piedi. Appoggiare solo la punta quando si sta seduti, battere un piede o la gamba; cambiare posizione appoggiando repentinamente il piede ora da una parte ora dall’altra, sono sintomi che rivelano nervosismo, impazienza. Se questi segnali li recepite in un interlocutore, è segno che non vede l’ora di terminare la conversazione e di andarsene. Stare seduti con le caviglie incrociate, fermi, significa che si sta bene, a proprio agio.

Se dobbiamo parlare in pubblico, infine, se siamo la principale fonte di informazione, in quel momento, distogliere lo sguardo per un momento significa che stiamo riflettendo attentamente e che il discorso ricomincerà esattamente da lì; se vogliamo comunicare quanto crediamo in ciò che diciamo, facciamo in modo che il nostro sguardo sia acceso; fissiamo due/tre persone, suscitando così l’interesse generale: uno sguardo che vaga su una platea generica, non desta interesse, ma appiattisce ciò che diciamo.

Ti potrebbero interessare i seguenti argomenti:

Come esprimersi ad un colloquio di lavoro

Come esprimersi ad un colloquio di lavoro

capire se gli piaci

come capire se piaci ad un ragazzo

capire se il fidanzato non ti ama più

capire se il fidanzato non ti ama più

eVicus 2013-2017 All rights reserved / Aziende Canton Ticino,Svizzera, prezzi, costi e coupon gratis